Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

itenfrdeptrorues
barretta-trasparente.png
Telefono: (+39)  0984 961806
amuto@notariato.it

Gli Stranieri in Italia

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Un tempo bastava dire che è straniero chi non è cittadino italiano. Questa definizione rimane pur sempre valida. Sennonché, l’art. 17 del Trattato CE istituisce una cittadinanza dell’Unione Europea, attribuita a chiunque abbia la cittadinanza di uno Stato membro. L’appartenenza all'Unione Europea comporta diverse conseguenze, alcune di grande rilievo, quali il divieto di discriminazioni sulla base della cittadinanza ed il principio del primato del diritto comunitario.

Da diversi anni, col D.Lgs.  25/07/1998 n. 286 e della sua norma d’attuazione (D.P.R. 31/08/1999, n. 394), anche la condizione dei cittadini stranieri extracomunitari è radicalmente mutata.

La condizione di reciprocità

La norma-base continua ad essere l’art. 16 delle disposizioni preliminari del codice civile, che pone la condizione di reciprocità, in forza della quale lo straniero è ammesso a godere dei  diritti civili attribuiti al cittadino nella misura in cui i cittadini italiani possano compiere nello Stato estero i medesimi atti. La condizione di reciprocità, tuttavia, non riguarda i diritti fondamentali, ma soltanto il versante patrimoniale (acquisti immobiliari, costituzione di società, ecc.).

L’art. 1 del citato D.P.R. n. 394/1999, dopo le modifiche introdotte dal D.P.R. 18/10/2004 n. 334, così dispone:

"Accertamento della condizione di reciprocità.

1) Ai fini dell'accertamento della condizione di reciprocità, nei casi previsti dal testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero, di seguito denominato: «testo unico», il Ministero degli affari esteri, a richiesta, comunica ai notai ed ai responsabili dei procedimenti amministrativi che ammettono gli stranieri al godimento dei diritti in materia civile i dati relativi alle verifiche del godimento dei diritti in questione da parte dei cittadini italiani nei Paesi d'origine dei suddetti stranieri.

2) L'accertamento di cui al comma 1, non è richiesto per i cittadini stranieri titolari della carta di soggiorno di cui all'articolo 9 del testo unico, nonché per i cittadini stranieri titolari di un permesso di soggiorno per motivi di lavoro subordinato o di lavoro autonomo, per l'esercizio di un'impresa individuale, per motivi di famiglia, per motivi umanitari e per motivi di studio, e per i relativi familiari in regola con il soggiorno””.

Ne consegue che lo straniero radicato in Italia, se la sua condizione corrisponde alle tipologie sopra descritte, è esentato dalla condizione di reciprocità ed i suoi diritti non sono, quindi, condizionati all'accertamento circa la sussistenza della reciprocità.

Inoltre, la condizione dello straniero può anche dipendere dalle previsioni di trattati multilaterali (ad esempio, lo Spazio Economico Europeo) o bilaterali. Al riguardo, il sito internet del ministero degli Affari Esteri contiene pagine appositamente dedicate a questa rilevante tematica.

Il diritto internazionale privato italiano 

La condizione dello straniero può dipendere anche dalla sua eventuale qualità di rifugiato o di apolide, con la conseguente applicazione delle Convenzioni internazionali che ne delineano lo statuto. La vita dello straniero non è pero riducibile ad un cumulo di divieti e di ostacoli di varia natura. Anzi, alla sua condizione rende in qualche modo omaggio l’ordinamento italiano, sulla falsariga di concezioni risorgimentali, nel modo appresso descritto. Nella giurisdizione italiana, infatti, non si applica soltanto la nostra legge.

Come i giuristi sanno, da noi possono trovare applicazione leggi straniere, laddove la legge italiana lo preveda. Al riguardo, la L. 31/05/1995, n. 218 (riforma del diritto internazionale privato italiano) consente, se ne ricorrono i presupposti, che in determinate materie possano trovare applicazione leggi di qualsiasi Stato del mondo,  con la sola condizione che non ledano le basi della nostra civile convivenza.

Opportunità aperte, quindi, a chiunque, animato di buona volontà e passione per il nostro Paese, millenario crocevia di civiltà, carico di storia e  di ricchezze culturali, voglia sfruttarne appieno le possibilità offerte dalla legge italiana, contribuendo così al comune progresso, in un clima di armonia e fratellanza. Per coloro che hanno presentato domanda di cittadinanza, è attivo un servizio, realizzato dal Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione, che consente ai cittadini stranieri di verificarne lo stato on line, accedendo ad una banca dati costantemente aggiornata.

 

Anna Muto - Notaio in Rogliano - Cosenza 

(Liberamente tratto dal sito www.notariato.it)

 

 

Chiedi un appuntamento allo Studio
del Notaio Anna Muto

Via E. Altomare, 58
87054 Rogliano (CS) Italia
Telefono: (+39) 0984 961806
Fax: (+39) 0984 1801578
Cellulare: (+39) 347 9169236
E-mail: amuto@notariato.it
anna.muto@postacertificata.notariato.it
Partita Iva: 03331520787

Clicca qui...

 


© Copyright 2015 - 2018. Tutti i diritti riservati

NOTAIO ANNA MUTO
Via E. Altomare, 58 - 87054 Rogliano (CS) Italia
Telefono: (+39) 0984 961806
Fax: (+39) 0984 1801578
Cellulare: (+39) 347 9169236
E-mail: amuto@notariato.it
PEC: anna.muto@postacertificata.notariato.it
Codice fiscale: MTUNNA78A69D086K
Partita Iva: 03331520787


Powered by 



Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter, riceverai tutte le nostre ultime notizie

Search