Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

itenfrdeptrorues
barretta-trasparente.png
Telefono: (+39)  0984 961806
amuto@notariato.it

Fondo patrimoniale

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Ciascuno o entrambi i coniugi, per atto pubblico, oppure una terza persona, anche per testamento, possono destinare determinati beni (immobili o mobili iscritti in pubblici registri o titoli di credito) a fare fronte ai bisogni della famiglia. I beni costituiti in fondo patrimoniale vengono specificamente destinati a tale scopo ed i creditori dei coniugi non possono soddisfarsi su tali beni per debiti contratti per scopi estranei ai bisogni della famiglia.

La proprietà dei beni costituenti il fondo patrimoniale spetta ad entrambi i coniugi, salvo che l’atto costitutivo del fondo stesso disponga diversamente (assegnando la proprietà, ad esempio, ad uno solo dei coniugi ovvero riservando la proprietà dei beni stessi al disponente). Per la amministrazione dei beni del fondo si osservano le stesse norme previste per l’amministrazione dei beni della comunione legale.

Il fondo patrimoniale può avere rilevante utilità nel far fronte ai bisogni della famiglia grazie anche al particolare regime della responsabilità dei beni costituenti il fondo, beni che, come sopra osservato, possono essere oggetto di azione esecutiva solo per debiti contratti nell'interesse della famiglia. Il ricorso a tale contratto, peraltro, richiede le dovute cautele, per fare sì che essa risponda ai concreti interessi delle parti, tenendo conto che la legge prevede, in particolari casi, limiti alla possibilità di disporre dei beni costituiti in fondo patrimoniale (art. 169 c.c.).

Per tali motivi, è senz'altro opportuna la supervisione di un consulente qualificato come il notaio, che potrà esporre tutti le implicazioni del fondo patrimoniale e valutare correttamente i vantaggi, gli eventuali limiti ed, in definitiva, l’opportunità concreta di ricorrere a tale istituto.

 

Anna Muto - Notaio in Rogliano - Cosenza

(Liberamente tratto dal sito www.notariato.it)

 

 

Chiedi un appuntamento allo Studio
del Notaio Anna Muto

Via E. Altomare, 58
87054 Rogliano (CS) Italia
Telefono: (+39) 0984 961806
Fax: (+39) 0984 1801578
Cellulare: (+39) 347 9169236
E-mail: amuto@notariato.it
anna.muto@postacertificata.notariato.it
Partita Iva: 03331520787

Clicca qui...

 


© Copyright 2015 - 2018. Tutti i diritti riservati

NOTAIO ANNA MUTO
Via E. Altomare, 58 - 87054 Rogliano (CS) Italia
Telefono: (+39) 0984 961806
Fax: (+39) 0984 1801578
Cellulare: (+39) 347 9169236
E-mail: amuto@notariato.it
PEC: anna.muto@postacertificata.notariato.it
Codice fiscale: MTUNNA78A69D086K
Partita Iva: 03331520787


Powered by 



Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter, riceverai tutte le nostre ultime notizie

Search